Pillole di Bioenergetica 24/05/2014

“La voce, quando è libera, viene dal cuore. Allora l’individuo parla col cuore. Ciò significa che il canale di comunicazione tra il cuore e il mondo è aperto….non è ostruito. Se una persona deve recuperare il suo pieno potenziale di auto espressione è importante che acquisisca il pieno uso della voce in tutti i suoi registri e in tutte le sue sfumature affettive…sciogliendo blocchi emotivi e tensioni muscolari che ne impediscano la fluidità” (A. Lowen, in Bioenergetica 1975).

10322790_318309524991935_303258823872676287_n

 

10395842_318311371658417_4760760013138679921_n

Annunci

Pillole di Bioenergetica 20/05/2014

Ahahah… a proposito delle memorie corporee e della possibilità di ‘lasciar andare’…

Stomaco – “Detesto chiederlo, ma… stai trattenendo tutto?”
Intestino – “Sì, ha un valore affettivo!”
Stomaco – “Ma è spazzatura! Te ne devi sbarazzare!”
Intestino – “STAI ALLA LARGA! Questi sono i miei RICORDI!”

Immagine: theAwkwardYeti.com

Immagine: theAwkwardYeti.com

Pillole di Bioenergetica 18/05/2014

Il percorso terapeutico in bioenergetica, ci aiuta ad entrare in contatto con quelle parti di noi stessi che abbiamo allontanato, perché troppo dolorose o spaventose, aiuta ad affrontare la sintomatologia e i traumi vissuti a PICCOLI PASSI, a capire le zone di tensione del proprio corpo, il loro possibile ‘senso’, consentendo appunto di dare un significato e nello stesso tempo di sciogliere i blocchi presenti.

761e63abe7fed50acb2040542226a802

Il fermarsi, il respirare ‘dentro’ queste tensioni o dentro alcuni ricordi o persino ‘dentro’ alcune lacune della memoria traumatica, consente di trovare nuovi spunti per riflettere, sentirci e procedere nel percorso rispettando i propri tempi, creando un nuovo alfabeto, per riscrivere la nostra storia e ci consente una maggiore capacità riflessiva, elaborativa e di tolleranza della frustrazione… consente di sentire dove ci troviamo, dove vogliamo andare e di cogliere il senso di ciò che proviamo e viviamo nel qui ed ora.

… JUST TAKE A SMALL STEP EVERY DAY!

 463974f3011f5e04078ed734ad02a04d

Pillole di Bioenergetica 17/05/2014

“Teach me how to trust my heart, my mind, my intuition, my inner knowing, the senses of my body, the blessings of my spirit.
Teach me to trust these things so that I may enter my sacred space and love beyond my fear, and thus walk in balance with the passing of each glorious sun”.
(Lakota Prayer)

26f5a77515d22e4a84b6669638437b6b
Traduzione:
“Insegnarmi a fidarmi del mio cuore, della mia mente, del mio intuito, della mia conoscenza interiore, dei sensi del mio corpo, delle benedizioni del mio spirito.
Insegnami a fidarmi di queste cose in modo che io possa entrare nel mio spazio sacro ed amare al di là della mia paura e, quindi, camminare in equilibrio con il passare di ogni glorioso sole”.

654c2e676de24a06f5053f9a7da63a47

Pillole di Bioenergetica 13/05/2014

10320412_314811225341765_7715572925642206148_n     10171885_314811745341713_7615134704562950411_n      10295804_314812732008281_7131905614019051328_n

… talvolta i nostri ‘mostri’ e le nostre paure, ci aspettano al varco… lasciamoli aspettare… respiriamo profondamente, giriamogli le spalle e costruiamo il nostro cammino… Una mente sovraccarica di paure, perde il suo radicamento nella realtà del presente e non lascia spazio alla realizzazione dei propri bi-SOGNI! 

STAY GROUNDED!!!

Pillole di Bioenergetica 12/05/2014

Ascolta il passo breve delle cose – Alda Merini

Ascolta il passo breve delle cose,
assai più breve delle tue finestre,
quel respiro che esce dal tuo sguardo
chiama un nome immediato: la tua donna.
È fatta di ombre e ciclamini,
ti chiede il tuo mistero
e tu non lo sai dare.
Con le mani
sfiori profili di una lunga serie di segni
che si chiamano rime.
Sotto, credi,
c’è presenza vera di foglie;
un incredibile cammino
che diventa una meta di coraggio.

a43b0d65c8ae2d1f550fb9d615ad9c12

Pillole di Bioenergetica 03/05/2014

Rosa Luxemburg sosteneva qualcosa di molto interessante a mio avviso: 
“Chi non si muove, non può rendersi conto delle proprie catene”!

10013517_311334175689470_6681365440392451926_n


Talvolta non siamo consapevoli degli incastri a cui ci incateniamo saldamente… può accadere infatti che questi, possano diventare i nostri alibi per restare fermi e non confrontarci con il nostro potenziale inespresso, talvolta le catene sono apparentemente invisibili, mentre altre trovano palese espressione nel corpo, arrivando persino a bloccarci concretamente nei movimenti più spontanei…

Fermiamoci un attimo… respiriamo e restiamo in contatto con quanto di vitale c’è nel nostro corpo.
Chiediamoci se effettivamente quei limiti ci appartengono o sono un vecchio retaggio frutto di altre esperienze, altre individualità e quanto effettivamente ci rappresentino.

Diamoci la possibilità di oltrepassare le nostre aspettative e laddove invece i limiti si mostrino concretamente radicati nella nostra esprienza corporea, accogliamoli ed accettiamoli con amorevolezza.